La luna ed il suo influsso in agricoltura


Il lavoro agricolo è da sempre scandito dalle stagioni: ad ogni periodo dell'anno sono associate determinate condizioni climatiche che risultano importanti per la vita delle piante, quali temperature massime e minime, precipitazioni, grandine, neve, fotoperiodo.
Per questo quando si fanno operazioni quali semine, trapianti e potature bisogna scegliere il periodo corretto in cui eseguire il lavoro.

Oltre al calendario delle stagioni però moltissimi contadini ancora oggi tengono in grande considerazione le fasi lunari, seguendo una tradizione millenaria dell'agricoltura, per cui decidono i momenti in cui seminare o effettuare trapianti guardando il lunario.

Anche se si tratta di una credenza molto diffusa non ci sono però prove a sostegno della tesi secondo cui esiste un effettivo influsso della luna sui lavoro in campo.
Molti seguono la luna semplicemente perché non costa nulla farlo e quindi per scaramanzia verificano la fase lunare.

La tradizione contadina e la luna

La tradizione contadina ha una visione piuttosto semplice dell'influsso della luna, che considera le due fasi calante e crescente.

A determinare queste fasi sono i giorni di luna piena (plenilunio) e di luna nuova (novilunio), la fase crescente precede il giorno di luna piena, mentre la fase calante è quella che segue il plenilunio e si conclude con la luna nuova.
Le date di luna piena e luna nuova le troviamo su moltissimi calendari, sul web troviamo pagine dedicate alle fasi lunari che ci mostrano in tempo reale la fase lunare attuale di oggi.

Durante la fase calante si ritiene che vengano favorite le parti sotterranee della pianta, quindi parliamo di radici, tuberi, rizomi.
Durante la fase crescente invece si ritiene vengano favorite le parti aeree, quindi la crescita vegetativa, l'emissione di nuovi rami e di foglie, la fioritura (e di conseguenza la fruttificazione).

Sono diverse le operazioni su cui si presume la luna possa influire: semine, trapianti, innesti, potature, raccolto, taglio legna da ardere, vinificazione e altro ancora. I lavori principali per cui si guarda la luna sono soprattutto semine e trapianti.

Le semine e la luna

Volendo seguire la tradizione bisogna seminare in fase crescente tutte le piante da frutto e da fiore, ad esempio pomodori, zucchine, melanzane, fragole.
In fase calante invece si seminano gli ortaggi da bulbo, rizoma o tubero, quali ad esempio aglio, rapanelli, cipolle, patate.
Per le carote si potrebbe fare un'eccezione: siccome il semino è molto lento a germinare si potrebbe seminare con luna crescente per agevolare questo passaggio, nonostante si tratti di una specie da radice.
Le verdure da foglia invece sono generalmente piante biennali, che si raccolgono fino a quando vanno in fiore. L'intento principale del coltivatore è quindi ritardare la fioritura e per questo si predilige la luna calante.

I trapianti e la luna

In agricoltura le operazioni di trapianto sono quelle in cui si prende una piantina coltivata in vasetto e già formata, che può essere a radice nuda oppure nel suo pane di terra, e la si mette a dimora in piena terra.
Il trapianto secondo le indicazioni tradizionali segue le stesse regole della semina, quindi in fase crescente si mettono gli ortaggi da frutto e da fiore, mentre in luna calante è tempo di piantare ortaggi da foglia, da rizoma, da tubero e da bulbo.
In aggiunta la fase calante può aiutare a radicare più facilmente, visto l'influsso presunto sull'apparato sotterraneo della pianta.

La luna e le potature

Volendo seguire la tradizione anche i giorni di potatura vanno stabiliti in base al lunario: nei giorni in luna calante si ritiene che la linfa circoli meno nella parte aerea dell'albero e quindi sarebbe il momento giusto per effettuare tagli senza che la pianta soffra eccessivamente. Questa indicazione è meno seguita rispetto alle semine.

Prove scientifiche dell'influsso della luna

Nonostante ancora oggi siano tantissimi i contadini che seguono la luna per fare semine e potature c'è da dire che a livello scientifico non esiste nessuna prova rispetto a un reale influsso lunare sulla riuscita dei lavori agricoli.
Condurre esperimenti in agricoltura non è semplice, perché oltre alla fase lunare se si cambia periodo di semina inevitabilmente ci saranno una serie di variazioni climatiche che possono interferire coi risultati.
Gli unici influssi comprovati svolti dalla luna sono l'attrazione gravitazionale e la luce che emette, frutto del riflesso della luce solare. Entrambi sembrano essere troppo deboli per poter giustificare a livello scientifico un effetto particolare sulle piante coltivate.
Per questo un ragionamento scientifico sembra escludere, fino a prova contraria, la validità di guardare le fasi lunari per semine e altri lavori agricoli.

Fasi lunari e agricoltura biodinamica

La coltivazione biodinamica non si limita a prendere in considerazione la fase della luna, ma ritiene vi sia un influsso cosmico che coinvolge anche la posizione delle costellazioni dello zodiaco.
Per questo il calendario agricolo biodinamico è peculiare rispetto a quello di altri metodi colturali ed è molto complesso nell'indicare periodi di semina e trapianto delle varie specie, riportando non solo la giornata ma perfino gli orari in cui si possono o non si possono svolgere le varie operazioni.
Se si vuole seguire questa pratica è indispensabile procurarsi un calendario specifico, è celebre quello di Maria Thun ma anche in Italia l'associazione La Biolca produce un ottimo calendario biodinamico.



Cerca 


Categorie Articoli

Ultimi articoli

Video-marketing-il-futuro-del-digital   APRI 

I-3-trend-estivi-del-2020-scopri-i-tagli-che-ti-stanno-meglio   APRI 

Model-Train-Remote-Control   APRI 

Telecomando-per-Trenini   APRI 

La-luna-ed-il-suo-influsso-in-agricoltura   APRI 

Come-rendere-tecnologico-il-tuo-ufficio   APRI 

Come-ristrutturare-casa-dal-punto-di-vista-ecologico   APRI 

Come-fare-i-biglietti-easyjet-online   APRI 

4-imperdibili-castelli-della-Baviera   APRI 

Dove-acquistare-abbigliamento-risparmiando   APRI 

I-benefici-della-rinoplastica-per-chi-ha-il-setto-nasale-deviato   APRI 

5-suggerimenti-per-viaggiare-in-sicurezza   APRI 

Cinque-applicazioni-per-le-proprie-vacanze   APRI 

Mete-estive-italiane-7-localita-di-mare-per-famiglie   APRI 

Come-vedere-le-partite-sullo-smartphone   APRI 

vacanze-estive-2020-mascherina-e-assicurazione   APRI 

Alluvione-a-Siongiroi   APRI 

Appello-di-Padre-Cristopher   APRI 

Siongiroi-News   APRI 

Arduino-Ebook-e-docs   APRI 

Sito-responsive   APRI 

SaveCMS   APRI 

Professioni   APRI 

Vantaggi-di-avere-un-fabbro-nelle-vicinanze   APRI 

Coronavirus-crolla-il-turismo-crescita-nel-2023   APRI 

Scienza   APRI 

Guide   APRI 

Strumenti-Meteo   APRI 

Ambiente   APRI 

Energie-Rinnovabili   APRI